Scortesie per gli ospiti

Durante l’anno trascorso mi sono dovuto coattivamente sorbire in tv alcuni programmucci tendenzialmente irritanti (grazie Sunofyork) trasmessi da un canale digitale che pare vada molto di moda, Real Time.

Mi procura l’orticaria il taglio insopportabilmente snob dei programmi che vi sono trasmessi. Trasmissioni che ci spiegano quanto ci vestiamo male, altre che ci insegnano come vendere la nostra casa di merda migliorandone i singoli ambienti grazie al tocco di un geniale architetto, altre ancora come cucinare qualcosa di decente senza infilarlo nel microonde. I conduttori di queste trasmissioni sono dei singolari sacerdoti del buon gusto, fintamente alla mano, che vivono abitano mangiano e vestono meglio di noi, e dunque ci usano la cortesia di educare le nostre vite al divinamente bello e al sommamente figo.

Il programma simbolo di questo odioso e mellifluo paternalismo dispensato a noi comuni mortali da questi agiati snob è Cortesie per gli Ospiti.

Per chi non lo conoscesse, eccovelo riassunto. Tre espertoni di come si sta al mondo sono invitati a casa di gente comune (che poi comune una ceppa, c’hanno tutti il casale ai Castelli o l’attico in zona Prati).

Uno è un cuoco, che almeno è un mestiere vero, e giudica le pietanze cucinate dal padrone di casa. Una è arredatrice di interni (anzi, è una interior designer come si tiene a precisare, che detto così mi sa di una che dipinge con gli intestini degli animali) e giudica la casa, l’arredamento e la disposizione degli ambienti.

L’ultimo è l’esperto di buone maniere, che ditemi voi che cazzo può mai significare nel 2011, e che starà attento alla disposizione della tavola, al comportamento degli ospiti, alle cadute di stile, al tenore delle conversazioni.

Il risultato, dietro la finta ironia e la finta convivialità dei personaggi (i cui stacchetti tra scena e scena sono il momento più triste e imbarazzante di televisione mai visto dopo i varietà anni ’80 targati Mediaset), il risultato dicevo è però antropologicamente interessante.

Per un attimo infatti ho immaginato di essere io il padrone di casa che accoglie questi tre simpaticoni a casetta sua. Facciamo che ho pulito le stanze, fatto la spesa, cucinato, apparecchiato tavola, preparato l’aperitivo e driin, eccoli sotto casa. Apro, salgono e ci si presenta, ciao mi chiamo Tizio, piacere Caio, ecc. E manco ti sei salutato che l’esperto di buone maniere ti fa subito la punta al cazzo e ti dice che “no, piacere non si dice mai, non puoi mai sapere se sarà un piacere”. E lì, se te lo dicesse in diretta, sapresti rispondergli tipo che “ma tu cazzi più grandi da cacare nella vita non ne hai mai avuti?”.

Comunque manco li fai accomodare e vai a prendere gli aperitivi che la arredatrice di interni si sguinzaglia per la casa quasi fosse l’ispettore Gadget e comincia ad aprire stanze, tiretti, armadi, cabine doccia, a notare le chiazze di umido sul soffitto, le smagliature dell’intonaco, il posizionamento del televisore, ad annusare la tua biancheria intima, e a rimarcare che non va bene, che non c’è un gran gusto, che la casa non è vissuta, che gli oggetti sono messi lì in un’accozzaglia orribile, e tu allora vorresti farle vedere anche il balcone e con la scusa ce la accompagni e la scaraventi a calci da sopra a sotto dal 2° piano.

Comunque arrivano gli aperitivi, e il cuoco già pasteggia il prosecco storcendo la bocca, chè doveva essere meno freddo, e che le tartine al salmone sono banali, o che la pizza è stata comprata e non fatta in casa, e tu  dovresti dirgli “ah bello, io timbro il cartellino e sto fuori casa 9 ore al giorno, c’avessi un cazzo da fare come te avrei avuto il tempo di fare in casa persino il prosecco…”.

Finiti gli aperitivi si va a cena, e qua l’esperto di buone maniere giudica la tovaglia plebea, le posate non di pregio, il centro tavola che manca (ma figurati se metto un centro tavola, razza di cicisbeo, ma che stiamo a Versailles?) e l’orribile abbinamento dei colori e la composizione e altre menate che mi viene noia persino a menzionarle. A quel punto verrebbe da dirgli “caro il mio Giovanni della Casa, c’ho due tovaglie in croce, sei fortunato che t’ho messo i piatti veri e che c’hai una sedia sotto al culo, fosse per me ti rinchiuderei nella dispensa al buio sui ceci a farti criticare l’ordine delle conserve e l’abbinamento cromatico dello scatolame…”.

La cena tra adulti sconosciuti, va da sé che è una noia mortale, quando non un vero e proprio orrore cui la gente decide di immolarsi per spirito di auto-fustigazione. Un sorriso finto e costante nasconde la immensa rottura di coglioni contornata da approfonditi dialoghi sul nulla, da domande banali e curiosità pelose, e nessun vero interesse umano trapela in quelle due ore in cui ti abbuffi di cibo gratis e ringrazi a Cristo che quella gente non la vedrai mai più. In tutto questo il cuoco divora gli spaghetti alle vongole ma li trova leggermente asciutti, si incula 300 grammi di spigola al sale ma trova che la spezia scelta sia sbagliata, tracanna il tuo Friulano ma lo ritiene più adatto ad un’altra stagione, e si ingolla 3 fette della tua torta mimosa storcendo il naso sul fatto che tu l’abbia comprata in pasticceria.

A quel punto ne avresti anche le palle piene, e anziché offrire loro un pensierino finale da bravo padrone di casa, ti alzeresti da tavola, e con toni bruschi diresti a queste tre serpi di andare a rompere il cazzo da un’altra parte, non prima di aver impartito loro alcuni consigli di vera buona educazione:

Al cuoco: sputacchiare leziosi nel piatto in cui si è mangiato gratis è la vera e unica maleducazione, e lamentarsi di un cibo che è stato appositamente comprato o cucinato per la bella facciazza tua è la vera, suprema coattaggine.

All’esperto di buon gusto: una serata tra persone che non hanno nulla da dirsi se non umiliarsi con borghesi e ammuffiti dialoghi da treno non andrebbe non solo fatta mai, ma nemmeno concepita. E giudicare la gente da come ti stringe la mano o dal fatto che dice “piacere”, rasenta il ridicolo. Anzi, la prossima volta che ti incontro ti rutto in faccia.

E infine all’arredatrice di interni: la casa di qualcuno è qualcosa di così intimo e lentamente costruito che giudicarne asetticamente gli arredi gli oggetti la disposizione delle stanze e liquidarla con un giudizio è il vero trionfo del cattivo gusto.

E quindi SLAM!, tanti cari saluti, porta chiusa in faccia e vaffanculo a me e a quando ho speso tutti sti soldi e mi sono fatto il culetto quanto una campana per farmi giudicare da questo terzetto di scassamaroni.

E già me li immagino, mentre scendono le scale, che si lamentano che il mio commiato mancava di sale, o che la mia sfuriata non era di design, o che quella porta chiusa in faccia non era conforme al bon ton.

Ps. E’ solo un programma, e i conduttori interpretano solo dei personaggi, ovviamente. Ma al di là di tutto, e del tutto involontariamente, Cortesie per gli Ospiti è un programma geniale. Riassume infatti in modo veritiero e quasi fotografico quello che succede in queste orrende serate tra sconosciuti o semisconosciuti. La noia, l’ingozzarsi di cibo per allentarla, il disinteresse totale per l’altro, il giudizio costante su tutto, su come l’altro è vestito, su cosa ha cucinato, su come ha arredato casa, giudizi che cominciamo a mitragliare non appena usciti dalla casa ed entrati in macchina. Il trionfo della falsità velata, della finzione tutto sommato manifesta, della cattiveria impietosa, del pregiudizio silenziosamente classista, della noia che affligge la media borghesia.

Eccole, le Cortesie per gli Ospiti.


Annunci

15 Responses to Scortesie per gli ospiti

  1. LadyLindy ha detto:

    no, Cortesie per gli ospiti non lo devi guardare. MAI. Al massimo possiamo soprassedere su Borghese, ma lui fa un programma da solo e quindi puoi godertelo in santa pace senza le sfrangiture di balle che giustamente descrivi. E poi, c’è un altro cuoco che vale la visione di Real Time: Gordon Ramsay. Scommetto che starebbe simpatico anche a uno come te. Anzi, soprattutto a te.
    Detto questo, possiamo destinare codesto canale alla fine di tutti gli altri canali: lo spegnimento.

  2. Uic ha detto:

    Io sono ossessionata da Cortesie per gli ospiti, scherzi??
    Per dire, metto il centro tavola anche quando ceno sola.

    • Sunofyork ha detto:

      “uic ti amo” (capisc’amme uic)

      • Uic ha detto:

        Ti prego, iscriviamoci al programma!!! Una sfida CO/BO!
        Certo, io dovrei iniziare cambiando lo zoccolino dei pavimenti (lo notano sempre) e comprando dei mobili minimalisti e un paio di lampade di alvar aalto. E poi dovrei inventare dei piatti nuovi e squisitissimi che sappiano bilanciare sapidità e acidità (…).
        Per le buone maniere, siamo a posto, dai.
        Ma tu non farti accompagnare da Paperoga.

  3. Sunofyork ha detto:

    So che avevi provato a comunicarmi la tua opinione su Real Time e Cortesie per gli ospiti più volte, ma l’avevi fatto _mentre_ guardavo il programma e, te lo giuro, non ti avevo sentito, ero troppo ipnotizzata. Ora so come la pensi.
    Detto ciò, continueremo a guardarlo fino a quando non avrai capito che il set americano non va sulla tovaglia di stoffa e che abbinare tre nuance diverse dello stesso colore non fa _esattamente_ figo.

  4. punzy ha detto:

    per me questo programma è un incubo, gente sconosciuta a casa mia che mangia alla mia tavola e mi critica..impossibile anche solo da pensare: gli sconosciuti, se non conoscono la parola d’ordine, da me non entrano (secchiata) 😉

  5. fed ha detto:

    mi chiedo come venga in mente a qualcuno di invitare tre tizi sconosciuti a casa per farsi criticare… è proprio vero che c’è gente che farebbe qualunque cosa pur di un passaggio in TV, detto questo perché ruttare in faccia solo all’esperto di buone maniere?

  6. Sunofyork ha detto:

    @uic (non ho capito perché posso replicare a tutti tranne che a te, misteri)
    Comunque per la sfida ci sto, io sto studiando una cena di taglio letterario/editoriale -sai che divertimento folle- tipo che prendo le sedie Pantone, una tovaglia bianca su cui sui scrivo a mano Le Onde di Virginia Woolf, coordinata con tovaglioli con dentro dei bei refusi da scovare, ah, e poi voglio anche l’arco di Castiglioni (ma quello non c’entra, però lo voglio troppo).
    Paperoga me lo gioco come jolly a fine serata e gli faccio recitare una poesia in piedi sulla sedia.
    Mi spiace cara, non hai nessuna chance.

  7. uic ha detto:

    Rilancio con i fuochi artificiali che nell’aere scrivono Benvenuti!
    Ma poi a Paperoga dobbiamo dare la busta come i nonni a natale coi nipoti?

  8. Sunofyork ha detto:

    proprio hipster vs kitsch eh!
    certo, comunque, a Paperoga diamo un euro a testa, ma solo se fa il giro del tavolo dando un bacino a tutti
    (cosa molto probabile, conoscendolo)
    🙂

  9. S ha detto:

    io sono sempre più felice di non avere la tv. tutte ‘ste fregnacce costruite ad arte me le evito.

  10. Joker lo scherzoso ha detto:

    Argh…
    Real Time è quel canale su cui qualcuno ogni tanto cambia, impunemente,

    privandomi della visione di Sky Sport 24

    In ogni caso,
    ma sti tizi portano qualcosa quando vanno a sbafare?

    Un vinello, due pasticcini… chessò…

    Purtroppo l’estate è l’apoteosi temporale di queste cene pallose.

    Perchè a qualcuno non gli par vero di poterti rovinare le vacanze con “cenette” e “rimpatriate”

    (a quando un disegno di legge per far diventare reato le rimpatriate?)

    Vabbè, è anche vero che io sono al limite della sociopatia

    ed è ora che lo ammetta candidamente

  11. Sally Cinnamon ha detto:

    Secondo me il peggio del peggio è “ma come ti vesti”, per i consigli improponibili (“tacchi ovunque, da mattina a sera”) ma soprattutto per l’idea che ci siano fidanzati/e o amici/che che vogliono cambiare una persona. Ma se i due tizi vengono da me a chiedermi se voglio migliorare il mio abbigliamento e che mi vesto da schifo e “ce l’ha detto il tuo ragazzo”, prima rido in faccia a loro e poi sfanculo lui, altro che entusiasmo e buttiamo la maglia della nonna. Io a mia nonna ci voglio bene

  12. Francesca ha detto:

    che poi, i due presentatori sono davvero inquitanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: