La damigella del diavolo

me

 

Due nostri amici si sposano. Organizzano un matrimonio in una bella chiesa e il ricevimento in una splendida masseria. Prevedono tutto nel dettaglio, scelgono ogni particolare con gusto e attenzione. Ma dopo mesi di preparazione certosina perdono un po’ di lucidità, e fanno un errore mortale: chiedono che nostra figlia faccia da damigella e porti gli anelli in chiesa nel momento della sacra unione. Fatal error.

Il pomeriggio già era partito storto. Arrivati nel paesotto pugliese, manco il tempo di scendere dalla macchina, arriva un temporale da tregenda, con tanto di grandinata di sassi. In macchina cerchiamo di tenere ferma la bimba che si dimena tra il sedile davanti e di dietro aggrappandosi a volante e cambio, tra un piede in bocca al padre e una gomitata sulla tempia alla madre.

Il temporale finisce. Si entra in chiesa. Il problema è: come riuscire a farla stare buona in chiesa per un’ora e mezza, dovendo tra l’altro occupare i primi posti dopo i parenti prossimi? Qualcosa ci viene incontro. Ci sono musicisti che suonano durante la messa, un organo e un violino conquistano la bimba e durante l’esecuzione lei rimane in piedi, ritta e silenziosa ad ammirare lo spettacolo. Quando la musica finisce, cominciano i guai. Anzitutto la bimba non ne vuole sapere, e chiede che i musicisti continuino a suonare: “ANCOA!!! BAVI!!! ANCOA!!! Poi, siccome non è accontentata, comincia a vagare alla ricerca di divertimento. Noi cerchiamo di tenerla ferma con mille ammennicoli (ventagli, libretti della messa, giocattoli portati a posta), poi ricomincia la musica e lei di nuovo ritta in piedi, ma quando finisce decide di vagare inquieta per la chiesa. Mi metto al suo seguito come un bodyguard. La gente la guarda camminare vestita come un confetto e le sorride, ma non sa quale potenziale distruttivo nasconda il suo bel faccino da angioletto. Si avvicina alle candele votive delle offerte, chiede di essere presa in braccio. Io le faccio vedere  le candele, sono del tipo elettrico che si accende con la levetta, e le spiego che la gente mette i soldi, accendo la candela e dice una preghiera, ma mentre sto parlando lei sta accendendo e spegnendo di tutto, fulminandone una, quasi staccando una levetta dall’altra, ignorando le preghiere dei fedeli e i soldi pagati per poterli esprimere. La allontano per evitare un corto circuito, e manco la sposto che si sta già gettando a pesce dentro l’acquasantiera. La metto per terra, siamo in fondo alla navata, e si dirige verso il confessionale. Anzi, ci entra direttamente dentro. Dalla parte del prete. Per farla uscire ci metto mezzo minuto, ma alla fine è fuori. Giusto in tempo per notare un tavolino con delle ampolle di acqua e vino e un po’ di pane. Per i cristiani è l’offertorio che va benedetto dal prete, per lei è solo un tavolo da rivoltare. Per mezzo secondo evito il disastro.

Arriva il momento di portare gli anelli. Le fedi si trovano su un cuscino che la bimba deve porgere al prete o agli sposi, ora non ricordo. Fatto sta che lei guarda sto cuscinetto, guarda il prete, guarda sua madre, e butta per terra cuscino ed anelli e se ne va a sedersi ai piedi dell’altare. Sunofyork prende gli anelli, li porge a chi deve porgerli, chiede scusa a sposi, testimoni, prete e chierichetti, e torna al suo posto. La bimba vaga vicino all’altare, rischiando di far inciampare fotografi e sacrestano, e quest’ultimo manda a me padre uno sguardo da clint eastwood che conferma la massima evangelica “lasciate che i bambini vengano a me”. Ma non rompano i coglioni in chiesa.

Però alla fine il matrimonio è celebrato. Nel frattempo la bimba passa il tempo a colorare dei figlio coi pastelli a cera, ma comincia a colorare anche i banchi ed io a pulire con le salviettine come una colf. Usciamo dalla chiesa e prendiamo il riso per la solita lapidazione rituale. ma la bimba non può aspettare. Comincia a lanciarlo dentro la chiesa, con la conseguenza che diversi invitati rischiano di scivolare sul marmo e finire il pomeriggio al pronto soccorso. Le sottraggo il riso e scoppia in un pianto abissale. Le ridò il riso e me lo mette nella camicia. Gli sposi escono. Dalla furia repressa tiro il riso a chiunque.

Rientriamo in macchina. Ho perso un paio di chili, ho il vestito sporco di colori a cera, ed ho mezzo chilo di riso dentro ai pantaloni.

Ma sono solo le 18, e manca ancora l’intero ricevimento. La prossima volta che la vogliono come damigella la sedo come un cavallo.

 

Annunci

5 Responses to La damigella del diavolo

  1. L_annina ha detto:

    Quante ore è durata la cena?

  2. Joker lo scherzoso ha detto:

    Parlo da pugliese…
    i matrimoni in Puglia sono uno strumento di tortura assimilabile alla vergine di Norimberga, al waterboarding

    e giusto una spanna in meno dello shopping con una ragazza X qualsiasi.

    Ora hanno preso il vizio di farli ad agosto.

    Dodici mesi, quando li fanno?
    Ad agosto.

    No, dico, qualcuno ha mai preso coscienza della temperatura e dell’umidità in Puglia d’estate?

    Io, personalmente, in quel periodo allestisco un tabernacolo votivo al mio angelo protettore Willis Haviland Carrier,

    patrono dell’aria condizionata.

    E invece no.
    Giacca, camicia e cravatta in una chiesa talmente fresca che nell’acquasantiera ci puoi cuocere i tortellini.

    “Sailcazzo e Sailcazza saranno lieti di festeggiare con parenti e amici (ex amici, dopo oggi) nella casa circondariale più vicina”

    (perché più o meno un pranzo di matrimonio da noi dura di più del periodo che intercorre per ottenere un provvedimento di scarcerazione)

    aperitivo sotto il sole
    antipasti al tavolo, sempre sotto il sole

    pranzo dentro
    ma prima si balla (alle due di pomeriggio voj ballà?)
    primo
    si balla (col mangiare sullo stomaco voj ballà?)
    secondo primo
    terzo primo
    primo secondo
    secondo secondo
    terzo secondo
    sorbetto

    piccola pausa per sorbirsi le stronzate degli amici alla sposa
    (in genere si punta sul calembour elegante…)

    frutta
    dolci
    torta nuziale…

    gelati (…)

    si balla (alla presenza di quattro volontari del 118).

    Poi ritiri la bomboniera alla cassa
    (preoccupatevi quando vi dicono che hanno voluto far gli originaloni)

    e finalmente puoi tornare a casa a scaricare il mal di testa del vino.
    Alle 3 di mattina, più o meno.

    Saluti.

  3. LorenZo ha detto:

    Hai una figlia maleducata. Ed il padre sei tu.
    LorenZo. Sono tornato…..

  4. Sara ha detto:

    Anche io sono pugliese… Ops, Salentina 🙂 quando si è lontani da casa, tutto questo manca. Mi hai fatto rivivere dei bei ricordi ! W la Puglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: