Il web 2.0 mi ha rotto le palle (Parte III: la fuga dei ratti dai muri)

RatsWalls Poster Final 72dpi
In questa gigantesca rete dell’idiozia, grande quanto il mondo, ci siamo caduti tutti:
1) i ragazzini che si minacciano di morte a vicenda per difendere l’onore della loro boyband;
2) gli adolescenti che riprendono le loro stesse risse da ubriachi o le palpate alle coetanee;
3) i ventenni universitari che gonfiano kilometri di polemiche su ignobili cazzate, o che cercano di diventare twitstars arrovellandosi il cervello su cosa postare di straordinariamente intelligente;
4) i padri o le madri di famiglia che postano 72 foto al giorno del proprio figlio, pannolino sporco di merda liquida compreso;
5) i trentenni artistoidi sedicenti intellettuali che di professione fanno o vorrebbero fare le blogstar in attesa che qualcuno gli pubblichi il fenomenale romanzo italiano che hanno nel cassetto e che nel frattempo ci ammorbano con il loro fine senso estetico, la loro incorrotta moralità antiberlusconiana, la loro stravolgente incuranza dei canoni borghesi, piccoli bukowskini tutti uguali  in fila per sei col resto di due, che ti fanno pensare a quanto talento incompreso e sprecato ci sia nel sottobosco di questo paese.
Ora, i ragazzini e gli adolescenti hanno la scusa di essere adolescenti. Si tratta di ragazzi con poche e confuse idee, privi ancora della necessaria dose di empatia, che si fanno spazio nel loro spietato e cattivo mondo con i loro consueti modi privi di misura. E che usano facebook con la stessa ottusa e acerba violenza con cui si gridano in faccia invece di parlare, o fanno gli alternativi vestendosi tutti identicamente come gonfi pagliacci, o gli esibizionisti narcisoidi allo stesso modo con cui occupano eroicamente e senza motivo la loro scuola d’autunno.
Gli universitari hanno la scusa che non hanno un cazzo da fare, e passano le loro toste giornate a girovagare per i portici di via zamboni (o i corrispettivi luoghi dello struscio accademico per i non bolognesi) o bere scadente vino da 1 euro al litro per poi collezionarne le bottiglie sui pensili della cucina dissertando confusamente su autori mai letti e musica mai ascoltata.
Gli adulti non hanno scuse, dovrebbero avere idee e cucuzza sufficienti, ma sono peggio degli adolescenti e degli universitari, come in tutte le cose della vita.
Avete mai letto i commenti agli articoli dei giornali online? Lì c’è la conferma che la razza umana meriterebbe l’estinzione mediante dolore. Che la prossima generazione di esseri umani dovrebbe nascere monca di lingua e arti per digitare, come contrappasso. Gli adulti usano gli spazi per esprimere le proprie opinioni producendo una concentrazione di insulsa ignoranza, di insipiente saccenza, di vigliacchissima violenza verbale, di razzismo becero in ogni forma consueta o meno. Commentano ogni cosa dall’incidente stradale ai tatuaggi di Belen, e danno il meglio di sè quando c’è di mezzo un immigrato o un frocio o una qualunque minoranza diversa dalla loro merdosissima maggioranza di stronzi.
Insomma, il 2.0 ha attirato nella rete una sconfinata colonia di ratti che dalle loro tane non fanno altro che cliccare e digitare con l’ossessione tipica dei disturbati mentali. Per loro internet non è un gioco: internet è lo spazio che viene loro negato nella vita vera, e che non riflettono sul perchè, nella vita vera, nessuno li si incula di pezza: non perchè siano delle povere vittime della negazione della libertà, ma perchè nella vita vera le loro cazzate passano indisturbate come scoregge che manco puzzano. Internet è il loro modo di uscire dai muri. Su internet invece questa gente ritrova il fiero orgoglio da troll di ammorbarci con la loro merda in forma di post.

E’ per questo che preferisco rimanere ancorato ad un passato prossimo che si tiene a distanza da questi cazzo di social network e a questo bisogno ossessivo di dover scrivere per forza qualcosa su uno schermo.
Rimango ancorato al concetto molto “slow” di blog, ormai destinato all’estinzione, navigo servendomi ancora di un reader, se mi piace una pagina me la salvo in un apposito contenitore. Lo so, fa molto 2005, devo essere rimasto indietro.
Ed ho fatto il fioretto di evitare di scrivere qualsivoglia commento nei forum, sui siti, e tenermi lontano da qualsiasi cosa ricordi un social network, ed evitare la tentazione di comprare uno smartphone per impedirmi di star lì come un pirla a rincoglionirmi su uno schermo anche mentre cammino.
E perchè il tanto decantato social, in rete, si traduce alla fine in oceani di parole urlate, opinioni non richieste, litigi sul nulla, intrusioni costanti nella propria privacy e autospiattellamento continuo e narcisistico dei cazzi propri.
Preferisco i lunghi silenzi del 1.0. Preferisco l’asocial network. Sarà retrò, per qualcuno sarà snob, ma ho sempre accettato il rischio di passare per tale. Sin da quando a 13 anni obiettavo ai miei amici in fissa con i paninari che la fibbia El Charro era una delle creazioni più mostruose della moda di ogni tempo, prendendomi dello sfigato e del villico. O quando a 19 anni urlavo incompreso che Jovanotti e il suo penso positivo erano una insopportabile sòla.
Ci metto la faccia, dunque. Voi, con quel cellulare sempre connessi, non mi piacete. I vostri costanti retweet, follow, mi piace, cazzi e mazzi vari, mi fanno sbadigliare. Il web, così com’è, è una trappola da cui stare il più possibile lontani.
Perchè il futuro dipinto da Wall-E, (o anche quello della fenomenale storia “Zio Paperone e la rivoluzione elettronica” ( Topolino 1438-39), ovvero di un popolo impigrito e rimbecillito dalla prigione mentale dell’essere constantemente connessi, è solo apparentemente una visione distopica.
E che uno come Jobs sia oggetto di culto e non di maledizioni, è la conferma che questa trappola si è ormai chiusa alle nostre spalle nella dabbenaggine generale, e possiamo solo limitare i danni.
Annunci

8 Responses to Il web 2.0 mi ha rotto le palle (Parte III: la fuga dei ratti dai muri)

  1. Joker lo scherzoso ha detto:

    Il post perfetto.
    La trilogia perfetta.

    L’amarcord (I atto)
    L’analisi (II atto)
    L’invettiva (III atto)

    Non so come tu abbia fatto,
    ma non ho mai letto su un blog qualcosa con la quale concordi in maniera così completa.

    Niente,
    è come se fosse lo Stairway to Heaven,
    l’Arancia Meccanica
    o l’Infinite Jest

    dei post da blog.

    Chi ti parla è un vecchio trombone trentaduenne antigiovanilista
    che NON ha facebook
    nè qualsiasi altra socialboiata

    e che, per questo motivo, quando è con amici, si sente come uno senza documenti alla dogana.

    E quando cerchi di motivare la tua scelta
    (non con la sublime veemenza che hai adoperato tu, ma diciamo che i concetti rimangono quelli)

    ti tocca incamerare risposte un tanto al chilo tipo:

    1) “fb serve a comunicare più velocemente”

    (più di una telefonata? Cos’è, leggete nel futuro?)

    2) “sì, io ce l’ho ma-non-ci-vado-quasi mai”

    (quasi? Cioè ci vai solo il giorno, mentre la notte sei tra quelli che ancora dorme)

    3) “Dipende da come si usa”

    (che poi è la versione 2.0 dello “smetto quando voglio”)

    4) “no, vabbè, io ho pochi amici, solo quelli che frequento”

    (solo 1.400, vi immagino quando uscite il sabato sera…
    dove vi date appuntamento? A Quarto? E poi, un giretto a Marsala?)

    Che dire:
    io non ho un cappello ma lo comprerò apposta per potermelo togliere e fare “chapeau” a questo triplice post.

    Saluti

    P.S. Non ho commentato i tuoi post precedenti, perché parlavi di vicende molto personali
    e mi sembrava inopportuno e indiscreto commentare, da estraneo quale sono.

    Però, da terrone vecchia scuola, mi sembra brutto non fare neanche un augurio a te e consorte per tutto.

    • Angela Castellano ha detto:

      4) “no, vabbè, io ho pochi amici, solo quelli che frequento”

      (solo 1.400, vi immagino quando uscite il sabato sera…
      dove vi date appuntamento? A Quarto? E poi, un giretto a Marsala?)
      ahahah meraviglioso sto ridendo come una pazza e non posso fare casino che c’è la pupa che dorme.

      P.S. comunque io su facebook ci sono e non ti perdonerò mai il fatto di non poter mettere come status Sposata con Paperoga. Poi non lamentarti se qualche adolescente in subbuglio ormonale cerca di abbordarmi virtualmente pensandomi ancora single…

    • Paperoga ha detto:

      sono io che rendo omaggio al tuo commento, che come al solito mi ha fatto sganasciare. merci de tout

  2. joshuathekid ha detto:

    Bene.. non ti resta che cancellare questo Blog. 🙂

    Gastone il fortunato

  3. Lucrezia ha detto:

    Io sono una nostalgica dei blog, non per niente leggo ancora il tuo e pochi altri e ne ho uno mio, su cui scrivo quando mi va.
    E’ vero quello che dici sui social network. Io ho resistito su tutto, tranne che su Facebook per un motivo semplice: la mia palestra comunicava i cambi d’orario solo lì, nemmeno uno straccio di avviso sulla bacheca di compensato all’ingresso.
    Ora continuo a essere iscritta, perché gestisco le pagine Facebook di alcune attività e associazioni.
    Vedo tanta gente che crede di essere una primadonna, invece sono tutti ballerine di fila, ma non accettano la realtà.
    Ci sono però cose più aberranti rispetto ad altre. Una riguarda le foto dei figli, che sono ovunque: è nato, il primo Natale, il primo dentino, mentre dorme, mentre mangia, mentre è sul vasino, il primo bagnetto… la loro identità è sputtanata per il pavoneggiarsi dei genitori. Quando cresceranno, le loro foto avranno già inquinato il web e sulla loro immagine non potranno decidere una mazza. Poi lo Stato realizza spot sull’impossibilità di cancellare le proprie foto dal web… uno spot ritirato, perché ridicolo.
    Il mio fidanzato non è iscritto a nessun social network e vive lo stesso.

    Joker lo scherzoso:
    “3) “Dipende da come si usa”
    (che poi è la versione 2.0 dello “smetto quando voglio”)”
    Ci siamo caduti tutti in questa frase. La verità è che se anche tu non pubblichi mai una tua foto, ci pensano gli altri a farlo e a taggarti e il mondo sa dove sei stato il 2 novembre.
    Il mio fidanzato non è iscritto, ma le sue foto, sui profili degli amici, ci sono.

    A questo punto, Paperoga, il 3.0 come sarà?

    • Joker lo scherzoso ha detto:

      Lucrezia
      e credi che a me non mi ci abbiano messo a tradimento?
      Noi “superstiti” abbiamo solo il vantaggio che non ne sappiamo niente di quello che succede alle nostre spalle,
      in quella bolgia

      Figuriamoci.

      Guarda, alcuni m’hanno fatto vedere facebook con il loro account

      è un circo:

      quelli della terza bbbbi del ’52
      bambocci in autoscatto con la bocca a culodigallina
      fotomontaggi improbabili
      gente vestita da Tex Willer in piazza Navona

      combriccole alticcie con boccaloni e occhi vitrei
      e scritta “oggi ho preso un giorno di malattia”
      (non ti sgamerà nessuno, vai tranqui zzzio)

      la foto del cane su due zampe
      la Gioconda con la cresta da punkettone
      aforismi triti e ritriti
      slogan spacciati per frasi di Confucio
      il piatto con le lenticchie e lo zampone a ferragosto
      foto di piedi
      meravigliose vedute di Vergate sul Membro

      e poi ci sono i filosofi/politologi/pensatori/esteti
      che si riconoscono perché sparano delle perle di saggezza strafalcionate
      e 99 su 100 si chiudono con la frase
      (fateci caso)

      “meditate, gente, meditate”

      che loro credono sia un finale ad effetto preso da chissà quale trattato filosofico,

      in realtà era la pubblicità di una birra

      (che se lo sapessero ci rimarrebbero malissimo).

      Il resto l’ho rimosso,
      grazie a Dio.

      Saluti

  4. Francesca ha detto:

    bellissimo, corro a condividerlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: