Let me die in my footsteps

Non studio non lavoro non guardo la tv, non vado al cinema e non faccio sport. Insomma, se manco dal blog da più di un mese, un motivo c’è. Mentre tutti continuano la loro vita, io da un mese ho gli occhi puntati su quella fottuta centrale di Fukushima.

Perdonatemi, ma sono figlio degli anni ’80. Ho passato la prima metà di questi a temere accucciato sotto il banco di scuola una guerra termonucleare globale tra Usa e Urss, e poi, proprio quando la guerra fredda andava scemando, esplose una centrale nucleare a 2000 km da casa e per un paio di mesi non si mangiò insalata e non si bevve latte.

Quando dunque un mese fa ho risentito parlare, dopo quasi 25 anni, di fusione del nocciolo, vento radioattivo e compagnia cantante, mi è ritornata quella stessa pelle di cappone di quando, a 8 anni, inavvertitamente vidi in tv uno spezzone di un film che proiettavano al cinema.

Il bello è che io di nucleare continuo a non capirci niente. Cioè magari uno pensa che, se uno è fissato con una fobia personale, diventa un espertone in materia. Manco per niente, rimango un ignorantone. In questo mese dunque ho ritenuto di mettere giù un volenteroso programma atto a prendere contromisure idonee a fronteggiare l’immane disgrazia giapponese e le sue conseguenze per questa mia storica e intermittente angoscia personale:

1) Non ho comprato le pastiglie di iodio come molti hanno fatto assaltando le farmacie. Però ho cambiato dentifricio, con il 50% di iodio in più, che mi pare una scelta molto meno isterica.

2) I contatori geiger costano un occhio della testa su ebay, però ho trovato su internet, testuali parole del sito, una “simpatica applicazione da utilizzare con gli amici che rallegrerà le vostre giornate”, ovvero un finto contatore geiger in cui spaccarsi dalle matte risate non si sa per che cazzo di cosa, poi.

3) Non posseggo un bunker antiatomico, ovviamente. Ma buttare giù una lista di cosa da comprare prima che si scateni il panico, e che possa prolungare di un mesetto la mia vita, quello si può fare. Dunque, qualche migliaio di candele, scatolame a kili, acqua in bottiglia, tre deodoranti spray (la doccia sarà un lusso), una scacchiera, la collezione di classici di disney, una torcia, una riserva di pile e se mi riesce, per quando starò impazzendo del tutto, una bella porzione di cannabis per dare l’addio con stile a questo porco mondo.

4) Mio fratello di fisica ne sa a pacchi, è un antinuclearista bello incazzato, e quindi gli sono stato praticamente incollato al culo per un mese a chiederli ragguagli sulla faccenda:

1 telefonata.

– Ehi, senti, ma praticamente cos’è sto nocciolo? E quando fonde?

– Beh, allora, bla bla, anche bla e poi ancora bla.

– Ma non basta buttarci dentro dell’acqua con una pompa per spegnere il reattore?

– Sei un trimone, perchè bla bla e quindi bla e nonostante tutto ancora bla.

2 telefonata

– Senti, ma sta teoria per cui il nocciolo che fonde sprofondando nel terreno non trova più ostacoli e buca la crosta terrestre è vera? Perchè cazzo mi sa che siamo proprio sotto il Giappone, e non mi vorrei trovare proprio sotto il culo quella bella pentola a pressione..

– Che cazzata, bla bla, la forza gravitazionale, bla e poi bla, il contatto con le falde acquifere, bla e quindi super bla.

– Ma la differenza con Chernobyl qual’è?

– Che rottura di palle, dunque, lì è andata bla bla, qui potrebbe andare meglio e quindi bla, o peggio e quindi mega-super-iper-bla.

– Si ma volendo fare delle ipotesi, di qua ad un mese, tu credi che…

– CLIC-TU-TU-TU-TU-TU-TU.

5) Con mio fratello che mi ha mandato a cagare, non mi è rimasto che informarmi seriamente e scientificamente attraverso le fonti a mia disposizione. Ho dunque passato interi pomeriggi e nottate a:

– giocare a Fallout3, videogioco che  consiste nel vagare in un mondo post-atomico divenuto un deserto contaminato, giusto per farci l’abitudine.

– guardare film come Wargames, Sindrome Cinese, o documentari su Chernobyl, Three Miles Island e altre disgrazie varie, giusto per entrare in pieno clima di inverno nucleare.

E’ trascorso un mese, e nonostante questi accorgimenti la tensione di me bambino dell’83 ancora non se ne va. E’ una tensione sottile, inodore e insapore, radioattiva a suo modo. Ci vorrà ancora un po’ di tempo, magari quello sufficiente a mettere sotto controllo quella dannata cazzo di centrale. E mentre la gente qui si attacca alla tv a guardare il processo breve, io mi concentro piuttosto sulla morte breve, e dell’umana follia di cercare di padroneggiare qualcosa di incontrollabile, e di spacciarcela per sicura, proprio non riesco a farmene una ragione.

Annunci

8 Responses to Let me die in my footsteps

  1. fed ha detto:

    come te, di nucleare ne capisco poco, come tuo fratello sono antinuclearista convinta da sempre. Purtroppo gli esseri umani hanno la pessima abitudine di avere una lista delle priorità fatta a cazzo per cui l’idea (falsa perché non sarà così) di pagare di meno la bolletta della luce predomina sulla prudenza, così come l’idea di certi impreditori di fare soldi costruendo centrali li gratifica abbastanza da non far rendere loro conto che se scoppia la merda (e prima o poi la merda scoppia) ci finiscono dentro anche loro.

  2. Joker lo scherzoso ha detto:

    Io ne so talmente poco
    che posso solo fidarmi dei Japs.

    E sperare che le loro centrali siano più resistenti dei loro televisori.

    Male che vada
    sono perfettamente attrezzato per un’era post atomica

    roba che il primate di Kubrick, in confronto a me,

    sembra uscito da un film dei Wachowski

  3. uic ha detto:

    Ma sei sempre il solito cazzaro, oh.

  4. Paperoga ha detto:

    uic: cazzaro? quando l’inverno nucleare arriverà, mentre io formica leggerò fumetti disney a lume di candela mangiando carne simmenthal, tu cicala ti ritroverai in una casa piena di inutili scarpe con il tacco, con il sol gatto da mangiare

  5. Uic ha detto:

    Mi pare probabile, ma io sarò felice, giuro.

  6. Uic ha detto:

    (ovviamente sarà EmilyBrontë a mangiare me, manco a dirlo)

    invece tu saprai di iodio.

  7. LadyLindy ha detto:

    1. Grazie per la bella citazione dei CCCP 🙂

    2. Ecco, un po’ di scombussolamento in questo senso l’ho avuto anche io… pensa che un mio amico doveva partire per viaggio-studio in Giappone e ovviamente non se n’è fatto più nulla (si stava preparando da mesi). Ma non siamo egoisti: la cosa che mi ha fatto più schifo è il veder tanta gente morire per l’avidità di pochi, inesperti e pronti a negare fino all’ultimo!

  8. S ha detto:

    oddio vedendo quello spezzone di film l’ansia è venuta anche a me :-/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: