Imola, Kansas (everything is broken)

A volte è buffo come l’oggetto di un futuro post ne diventi un misero antefatto da liquidare in poche righe. Quello che doveva essere il racconto della mitologica reunion dei cinque stronzi, Paperoga, Gastone, Vlad, Il Merda e il dott. Kildare, cede invece e di prepotenza il passo  alla sua  postfazione. Un blogger deve farsi guidare dalle sensazioni, e la mia sensazione in questo momento è quella di chi sta tirando sacramenti da due giorni senza posa. Ecco perchè il racconto di cinque ex ragazzi che tornano sulle strade di montagna, zaino e tenda in spalla, a camminare come ai vecchi tempi dell’adolescenza, scolorisce rispetto a quanto avvenuto nel viaggio di ritorno.
Domenica pomeriggio. Autostrada A14. Paperoga alla guida, Gastone al mio fianco accartocciato nelle sue lunghe leve, Vlad stravaccato dietro nella sua solita posizione tombale. Stanchezza diffusa, 15 km a piedi in due giorni non sono pochi, ed una mangiata finale in un’osteria della montagna romagnola certo non ha aiutato. Code a tratti, ultimo controesodo in atto. Il tempo, limpido e soleggiato fino al mattino, si è velato, abbiamo incontrato già diversi sgrulloni tardo-estivi.
All’altezza di Faenza, e verso Imola, all’orizzonte mi si palesa un tempaccio nero, nuvole bassissime ed uno strano vento intorno. Io, che mi aspetto sempre il peggio, faccio a Gastone: “Uhm, guarda là. Mi sa che ce la prendiamo in culo.” Gastone, il solito disattento, scuote le spalle. Vlad dietro pare imbalsamato, si spera morto.
Proseguiamo, lemme lemme, e il panorama non lascia grandi speranze: stiamo per entrare dentro ad un temporale devastante. Nuvole nerissime, il vento che si ferma di nuovo, l’aria è grigia e brillante. Io, che mi aspetto sempre il peggio, scruto nervoso e mi dico che non è un temporale normale. Gastone pensa solo a come incastrare le sue palanche alla bene meglio, Vlad è lì dietro, immoto come un nodoso ramo di platano.
Siamo fermi in coda quando il primo rumore secco sull’asfalto asciutto arriva, da me del tutto atteso. E’ un chicco di grandine. Il secondo arriva dopo 5 secondi. Grossi come ciliegie, cadono a lunghi intervalli di tempo. Il vento si riprende, e assieme al vento aumenta il ritmo della grandine. Un chicco ogni tre, ogni due, un chicco al secondo. Poi nel giro di qualche istante, all’improvviso, provocato da nulla di apparente, arriva l’inferno di ghiaccio. Il vento diventa turbine, mulinello, e dal cielo cadono sassi della dimensione anche di una albicocca. Dall’alto in basso, da destra a sinistra, il vento li scaglia dovunque, come proiettili vaganti. Il rumore sulla macchina mi raggela. Una smitragliata in pieno stile anni ’30 a Chicago. Carozzerie e vetri vengono bersagliati da chicchi sempre più grossi.
Io, che mi aspetto sempre il peggio, comincio a mettere le mani sulla testa e ad accovacciarmi. E le due teste di cazzo che mi accompagnano, direte, che supporto danno?
Vlad si è svegliato, e meno male, ed osserva il tutto con un crescente entusiasmo. La forza della natura, la violenza degli eventi lo trasforma in un fanatico millenarista: “Si, la forza di Dio! La potenza di Dio! Il fragore di Dio, la natura tutto distrugge!” Savonarola al confronto era un mite frate minore.
Io che mi sto cagando addosso dalla paura e sopratutto comincio a presagire i danni che tutta questa potenza di Dio farà alla mia macchina cerco di saltargli addosso: “LA POTENZA DI DIO? LA FORZA DI DIO? MA CHE CAZZO DICI E SOPRATUTTO CHE CAZZO STAI RIDENDO, TESTA DI CAZZO CHE QUA SI STA SPACCANDO TUTTO!!”
Gastone, da parte sua, guarda il tutto come se stesse sognando, con aria non del tutto conscia del disastro presente e futuro. Poi, volge il capo verso la campagna che costeggia l’autostrada, e mira le piantagioni di vite come un fottuto poeta: “Che peccato” sospira, “tutto il raccolto andato distrutto”.
“TUTTO IL RACCOLTO ANDATO DISTRUTTO?? IL RACCOLTO?? MA CHE CAZZO ME NE FREGA DI QUELL’UVA DI MERDA, CAZZO, LO VOLETE CAPIRE O NO CHE SE CONTINUA QUA MI DISTRUGGE TUTTO? CHE CAZZO STATE RIDENDO ANCORA TUTTI E DUE!!!????”
Sono tentato dallo scendere dalla macchina, rischiare un trauma cranico multiplo pur di raccogliere in bel mucchietto di sassi ghiacciati da tirare a questi due maledetti tangheri.
Prima che mi prenda un infarto mi placo, e continuo a sentire i colpi rutilanti e violenti sulla macchina, e nulla dà l’impressione di attenuarsi. Io metto le mani sulla testa, disperato, ed è uno di quei momenti in cui non sai se stai pregando o stai bestemmiando. Forse sto preghemmiando, scusate il neologismo.
Se possibile il peggio deve ancora venire. La grandinata si fa ancora più irragionevole ed io, che mi aspetto il peggio, quel peggio lo vedo prendere forma e sostanza: un pezzo di ghiaccio centra in pieno il parabrezza, e lo crepa in 5 cerchi concentrici. Ci voleva questo segno evidente a far preoccupare Vlad e Gastone che se pure sanno che la macchina non è loro,  sanno anche che i loro crani, benchè vuoti, sono di loro proprietà, e temono davvero e per la prima volta che possa accadere di peggio.
Per fortuna non accade. La grandine, dopo dieci minuti buoni di distruzione atomica, comincia a scemare. Riprendiamo il cammino, io ho la gamba che trema e non riesco bene a schiacchiare sull’accelleratore. Davanti a noi c’è un mondo divelto, venuto giù in pezzi. La strada è piena di ghiaccio che sembra esser nevicato. Detriti, pezzi di automobili, specchietti, scocche, tutto per terra. Vediamo la prima macchina ferma col parabrezza e il lunotto posteriore sfasciati. Ne vedremo almeno una 40ina, gente con le mani al cielo, carrattrezzi, motociclisti in panne. Per non parlare delle tante macchine coi vetri scheggiati come il mio. Ci guardiamo a vicenda, e non ci consola il mal comune.
Dalla tenue e confusa fase della preghemmia  sono nel frattempo passato alla furente fase del moccolo. Sordide maledizioni, atroci ritorsioni verbali contro divinità capricciose, promesse di vendetta urlate ai responsabili di tutto questo. Dentro di me faccio già preventivi di spesa, individuo possibili fonti di prestito, già abbozzo un facsimile di supplica che muova a pietà anche le più schifose braccine corte.
I due stronzi sono ancora scossi. Ma se Gastone ha capito quello che è successo e quello che mi accadrà al ritorno, Vlad vaga ancora nel suo mondo rigonfio di stronzate, e a coronamento della giornata, mentre il sole fa capoccella timido e maledettamente in ritardo, sentenzia così:
“E vabè, almeno adesso sappiamo che tempo ci aspetta quest’inverno….”
Silenzio. Ma regge poco.
“CHE TEMPO CI ASPETTA QUESTO INVERNO? MA CHE CAZZO SIGNIFICA?! CHE CAZZO DI CONSIDERAZIONE E’?SECONDO TE DI INVERNO GRANDINA? E SOPRATUTTO GRANDINA COSI’? E POI, “ALMENO” COSA EH? “ALMENO” CHE CAZZO DI COSA, MALEDETTO!!!”, e così facendo cerco di saltargli addosso nonostante stia guidando.
Arrivati a casa guardo lo stato della macchina. Il tetto è tempestato piccoli buchi, ma che dio mi fulmini se porterò mai sto catorcio da un carrozziere per questo. Tutto il resto sembra aver retto a stento, o forse no. Facciamo di no.
Oggi, il preventivo della sostituzione del parabrezza.
Se mi cercate, sono in tangenziale a dar via qualsiasi cosa che di me sia minimamente commerciabile.

Everything is broken, cantava il menestrello. Si, o per lo meno è quasi tutto in pezzi. Ed è il caso di ricominciare a rabberciare qualcosa. Anche a costo del culo.

Annunci

10 Responses to Imola, Kansas (everything is broken)

  1. punzy ha detto:

    Paperoga
    stà cazzo di natura
    ha iniziato lei la lotta per la sopravvivenza e adesso che sta perdendo passa alle maniere forti
    stà stronza

  2. schifezza ha detto:

    Sulle rotonde vicino a casa mia c’è un bel viavai di macchine: stasera se passo e ti vedo lì mi fermo a salutarti!
    🙂
    Coraggio: come ti ho detto via twitter, dal cielo hanno voluto mandarti giù un po’ di ghiaccio x lenire il dolore delle punture di insetto: hanno solo sbagliato un po’ le dosi!
    Baci, stai su.

  3. mgg64 ha detto:

    ok ok calma..non dare via tutto che poi potresti pentirtene per aver svenduto…ehm…quali sono le quotazioni?? e a quale punto della tangenziale? hihihihi

  4. IlMerda ha detto:

    e pensare che io me la dormivo nella grossa sul divano del Dr Kildare!
    avrei voluto essere con voi, anche in quel momento difficile, anche solo per contribuire alla definizione dei tuoi neologismi..


    però i tortelli erano buoni e non l’hai scritto! così come il tuo vizietto di farti spalmare addoso la ricotta da Gastone…

  5. Effe ha detto:

    Ieri la lettura del tuo post è stato uno dei momenti più belli della giornata: ho riso senza riuscire a trattenermi immaginando la scena, con le colleghe che mi guardavano attonite.
    Finché, ieri sera, mega temporale, notte di tregenda, grandine su milano: ho pregato gli dei di non punire me e la mia incolpevole macchinina per aver riso delle disgrazie altrui. 🙂

  6. kildare ha detto:

    pensa che io e il merda non abbiamo smesso di pensarvi x un solo istante. contriti e preoccupati, lividi di sincero crepacuore per i nostri compagni nella sventura…ma meglio questo o farsi imola-s sofia tutta, dico tutta, via collina arrivando 3 ore in ritrdo e col fegato in mano????

  7. Redazione ha detto:

    complimenti Paperoga! bel pezzo!

  8. LadyLindy ha detto:

    ecco, io non sono molto forestiera di quelle parti, e a giugno la grandine mi ha fracassato la casa dalle fondamenta al tetto. Un po’ per uno.

  9. sunofyork ha detto:

    sono stupita dal tuo ottimismo: “quasi” tutto è in pezzi. meno male va’.
    e su “preghemmiando” ho avuto un brivido alla schiena 🙂
    sun

  10. Francesca ha detto:

    “preghemmiando” sfiora il sublime, però 15 km in due giorni è da pivelli hihihihi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: