Il nemico occasionale

Ho un nemico. Non è una novità. Ogni tanto mi capita di averne uno, con cadenza del tutto fortuita. Succede che mi imbatto casualmente in una persona che mi comunica a pelle un fastidio fisico. E quando succede, mi repelle tutto di lui. Il suo modo di muoversi, di parlare, la postura e l’espressione stessa del volto, e mi fa schifo stargli vicino. Non se è capitato anche a voi, di detestare qualcuno che non conosci, con cui non hai mai scambiato una parola, solo per un qualche fallace misterioso immotivato ma altresì animalesco desiderio di volerlo menare come un tappeto.
Il mio nuovo nemico è nuovo di pacca, lo conosco da un mesetto scarso, ma ho già avuto modo di sperimentare tutte le varie fasi dell’avversione, dal fastidio sino all’odio profondo, passando per la ripulsa, in modo che sia certificato in modo ufficiale il suo status di mia nemesi personale fino a che le nostre strade non si separeranno (e si spera presto).
Prendiamo lo stesso treno alla mattina presto, ecco il guaio. Dapprima non lo notavo, come d’altronde ignoro la maggiorparte degli esseri viventi alle 7 di mattina, femmine comprese, avvolto a spirale in una catalessi quasi preoccupante.

Alto, dinoccolato, vestito da pinguino con la sua borsa da leguleio in pelle umana, tradisce la sua professione come solo un macellaio con tanto di mannaia sanguinolenta in mano sa fare, appartenendo chiaramente ad una categoria già di per sè disprezzabile, e parlo dei giovani avvocati (vale anche per te, Uno dei Due Bonzi).
Un giorno però l’odio è iniziato. Attendendo il treno del ritorno, scopro che era stato cancellato. Si trattava dunque di prendere quello immediatamente successivo, con un bel supplemento intercity da pagare in più, o attendere una ventina di minuti per il prossimo regionale. Dovendo di necessità al più presto tornare a casa per giocare alla Xbox, ed essendo notoriamente un coglione che rispetta le regole, pagando il viaggio che sceglie di effettuare, ho preso il fottuto supplemento ed ho atteso. Il nemico è arrivato in ritardo e, scoprendo la cancellazione del treno, ha pensato bene di farsi patrocinatore legale di una class action da parte delle dieci persone che lo attendevano: ovvero il suo ragionamento era che, essendo stato cancellato il treno, si prendeva l’intercity e senza pagare il supplemento. Dunque allora lo vedi accalorarsi e chiedere a tutti, me compreso, di far fronte comune con i controllori. Io mi limito a sventolargli in faccia il supplemento già fatto. Sto anche per dirgli che se non vuole pagarlo c’è un treno tra 20 minuti, non tra due ore, che è il solito italiano reclama-diritti-inesistenti, e che mi sta pure sui coglioni, ma mi pare fatica sprecata perchè gli avvocati, e lo so bene, tendono a creare fantasiosi alibi giuridici, pietose giustificazioni con pezza d’appoggio legale, lo fanno di mestiere e certo non smettono di inventarsi cazzate quando escono dallo studio.
Attendo dunque il treno, sapendo già come andrà a finire, visto che siamo in Italia. Ovvero che ai controllori non gliene sbatte un cazzo di questionare, fanno salire tutti, ed io mi infilo i miei 3 euro di supplemento su per il culo, per l’ennesima volta risultando l’unico nei paraggi in cui si trova a pagare quello che il resto della gente non ha pagato. Vabè, lo accetto. Ma per lo spilungone scatta l’odio da quel momento.
Fino ad una settimana fa l’odio era solo un rumorìo silenzioso quando lo vedevo, sfigato e intrappolato in quel vestito gessato. Poi un giorno mi ha superato sulle scale del sottopassaggio infilandomi quasi il suo cazzo di ombrello formato famiglia in un occhio. Gli ho fatto notare di stare attento, al che, da buon avvocato di chissà quante cause in materia di sinistri, si infastidisce pure: “T‘ho preso per caso, scusa?” “Aspetti di prendermi, la prossima volta, prima di fare attenzione?” gli ho risposto, ma in realtà avrei solo voluto prendere l’ombrello e ficcarglielo dentro la sua stessa uretra e poi aprirlo fino a ridurre il suo pene ad un grazioso origami.
Dopo il piccolo diverbio ombrellaceo ogni giorno scendiamo dallo stesso treno e facciamo quasi la stessa strada a piedi per andare a lavoro. Ed io sublimo il mio odio per lui gareggiando. Lui va veloce, è una pertica e le sue falcate sono degne del trotto di un cavallo. Mi improvviso marciatore professionista, e quasi sempre lo supero, e quando lo supero e rimango davanti a lui per il resto della strada sarei tentato di voltarmi e alzare le mani in segno di trionfo. So che non è una grande soddisfazione, anche perchè lui non sa che c’è una gara per la supremazia in atto. E’ come palleggiare tranquillamente a tennis con qualcuno, ma segnare a mente come un punto a tuo favore ogni volta che il compare sbaglia o non prende la palla. Che gara è se l’altro non sa di partecipare? Beh, è una gara lo stesso, lo decido io checcazzo, e se lo stratagemma della competizione silenziosa può servire a non spingerlo sulle macchine in corsa quando attendiamo il verde (e sono stato tentato di farlo varie volte), o a sgambettarlo con l’ombrello fino a farlo cadere in una pozzanghera e poi scappare (proprio oggi lo stavo per fare),  non stiamo troppo a menarla coi sofismi. Meglio un po’ di sana nevrosi paranoide di un’incriminazione per lesioni gravi. Legittime, ma pur sempre gravi.

Annunci

12 Responses to Il nemico occasionale

  1. punzy ha detto:

    Sono esperta di nemici, dato che compilo liste dell’odio da anni

    Loro lo sanno, lo sentono che li odi
    quindi continua a sorpassarlo e cantagli anche la musichetta di fuga per la vittoria

  2. sunofyork ha detto:

    magari un giorno diventa il tuo migliore amico!
    🙂
    sun

  3. enzo ha detto:

    Trova casa a non più di dieci minuti a piedi dal lavoro. Il pendolarismo porta di per sè alla paranoia, e tu hai già un’attitudine.

  4. mich pendolante ha detto:

    io coltivo con metodo e raziocinio le paranoie cui il pendolarismo conduce per sua natura.
    sono con te.

  5. Cavolini che male l’origami…
    Enzo ha decisamente ragione non ti fa bene fare il pendolare, però è uno spasso leggerti!

  6. paperogaedintorni ha detto:

    punzy: sono un agonista silenzioso, ecco tutto
    sun: hai letto troppi romanzetti buonisti
    enzo, mich, principessa: fosse solo il pendolarismo a rendermi paranoico. mi basta molto meno di un’oretta scarsa di tragitto per scatenare le mie pulsioni refrattarie alla socialità…

  7. LorenZo ha detto:

    Consòlati, ti è andata meglio di Luca Cordero di Montezemolo 🙂
    http://bit.ly/af0MgM
    Cmq, per “spegnere” le paranoie basta la verità. Chiedi al tizio che lavoro fa. Magari fa il commesso in un negozio di scarpe, e il tuo alibi crolla. Così, forse, scopriresti qualcosa in più di te, le tue fantasie, come le costruisci, quali sono i fantasmi che “abitano” i tuoi pensieri.

    P.S. Secondo me un avvocato giudicherebbe assurdo paventare una class action per un treno soppresso. I vantaggi (3 euro) sono di gran lunga inferiori alle energie da spendere e ai tempi di attesa. E poi esiste una normativa a tal proposito, che di solito para il c… al vettore.

  8. Uovo di Basilisco ha detto:

    Appena ne saprò abbastanza, ti farò causa per difendere tua madre, povera donna da te tirata in ballo ogni volta in cui devi tirare un pacco e non venire a giocare a calcetto.

  9. vincenzo007 ha detto:

    Questi post sono sempre interessanti. Leggendoli mi sembra di rileggere Marcovaldo. In ogni caso mandalo al diavolo, vai al lavoro per altri motivi non di certo per fare la gara con lui. Vero? 🙂

  10. paperogaedintorni ha detto:

    LorenZo: mi fai troppo espansivo. Io mugugno due sillabe al giorno si e no.
    Uovo di Basilisco (ovvero Uno dei Due Bonzi): veramenre stavolta ho messo in mezzo ben due fratelli
    vincenzo007: questi post sono interessanti sopratutto per il mio psichiatra

  11. LorenZo ha detto:

    Se hai un blog sei sicuramente espansivo. Quindi è una questione di forma. La forma diretta vis-à-vis ti blocca? Stronzate. Il potenziale ce l’hai tutto. Quindi tiralo fuori e cambia la tua vita in meglio. Diventa protagonista. Giocatela. In questo piccolo caso gioca il ruolo del pirletti, del sempliciotto (uno in cui gli altri si possono facilmente identificare), e chiedigli, con ammirazione e seria curiosità da professore “appena” disegnata sul volto, che lavoro fa. Magari attacchi con una sbuffata “ah tutti i giorni lo stesso treno – pausa – io arrivo a casa e mi svacco sul divano – pausa (se risponde, lascialo parlare) – giuro che cambio lavoro – pausa – ma lei, che lavoro fa?
    😀 LOL
    Credimi, è divertente fare l’attore dal vivo. Fammi sapere come finisce.

  12. plutoschi ha detto:

    ognuno patisce una serie di stereotipi diversi, io in particolare fagocitavo un odio profondo per il tipo in tiro sorridente all’aperitivo che saluta tutti… però alla fine quando andavo a bermi qualcosa mi rodevo il fegato mentre il “lui” si divertiva come un matto.

    pensaci, il tuo avvocato cammina tranquillo mentre tu ti arrabatti in fastidiose seghe mentali piene di avversione, alla fine la giornata la inizi di merda tu, mica lui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: