L’alba del morto vivente

Beh diciamo che per farvi capire il trauma devo partire da molto lontano co sto post. Diciamo che il maggio del 1994 può andare. Dunque, diciannovenne, patentato da un anno, andavo a scuola con una mini-rover molto fica ma che tracannava tanto di quell’olio che mio padre la vendette a calci l’anno successivo. Terza liceo (notare il vezzo insopportabile di noi liceali classici di ostinarci a chiamare così la quinta superiore), ai miei tempi si portavano due materie per gli orali. Una volta scelte italiano e storia, e considerato che il secondo quadrimestre delll’ultimo anno come tutti sanno non porta voti ma solo l’ammissione scontata all’esame, intorno al venti maggio salutai tutti e mi ritirai per preparare l’esame di maturità. In quel momento finiva la mia carriera di studente, e la prima, primissima cosa che pensai fu: ho finito, chissenefrega per quanto tempo, di svegliarmi alle 7 di mattina…
Da quel momento, infatti, per una serie di fortunate coincidenze ma ancor più per una manifesta tendenza al cazzeggio spinto oltre ogni limite post-adolescenziale, la mia sveglia “lavorativa” è sempre oscillata tra le 8,15 e le 9 e mezza. Sette anni di università da non frequentante (la forma di vita umana più vicina agli ameboidi), cinque anni tra dottorato e ricerca universitaria, un anno sabbatico/concorsuale, tutti vissuti con la sveglia allegra ed elastica del maschio latino e scansafatiche (sarà per questo che ho una pelle splendida e riposata). Persino lo Studio Cavaturaccioli, infine, mi ha permesso di conservare nell’ultimo anno questo invidiabile bioritmo mattutino.
Ma ogni cosa finisce. Due settimane fa ho ceduto alle lusinghe del posto fisso, alla chiamata del contratto a tempo indeterminato, alle sirene dello stipendio sicuro al 27 del mese. Ed è successo che ho riscoperto l’insostenibile orrore dell’alba. Se per andare a sturare ingorghi legali poteva bastare un treno alle nove e mezza, il mio nuovo tiranno, chiamato suadentemente badge elettronico, richiede che io sia al lavoro entro le nove. Per non farvela lunga, ma il mio treno adesso è alle 7 e mezza di mattina. Sette e mezza: due fottute ore prima. Altro che fuso orario, un vero e proprio jet lag fisico e mentale mi ha investito e ridotto a metà tra lo stato liquido e lo stato solido, gelatinoso direi che è il termine appropriato. Per due settimane ho proferito poche e brevi parole, se si escludono i bestemmioni delle sette meno un quarto. Sono dimagrito un kilo, ho accumulato cartoni di pizza sul tavolo, se lavoro al pomeriggio quando torno divoro chili di taralli rigorosamente pugliesi ed etti di parmigiano rigorosamente reggiano (io che mi cucino sempre un piatto caldo cascasse il mondo), ho ridotto la casa in un letamaio, e la massima attività cerebrale che sono riuscito a compiere rientrando da lavoro è stata quella di giocare alla Xbox smembrando mutanti spaziali con una motosega laser tra un molle e freddo trancio di pizza e l’altro, fino ad addormentarmi sul divano.
I primi giorni, ingenuamente, mi svegliavo come il Marchese del Grillo, lemme lemme andavo in bagno, accendevo la radio e  mi facevo il thè come al solito, memore delle mia sveglie lente da pascià di un tempo. Il risultato era che a 2 minuti dal termine ultimo per uscire di casa ero ancora in pigiama col thè bollente in mano, le chiavi di casa disperse, i denti ancora da lavare, e la rassegna stampa di radioradicale in sottofondo. Era evidente che qualcosa andava modificato.
Oggi, sebbene fantozzianamente possa limare in efficacia tempistica una buona manciata di minuti, sono già più soddisfatto. Da qualche giorno funziona che suona la sveglia vado in bagno piscio lavo la faccia apro la finestra per arieggiare chiudo la finestra dopo due minuti mi vesto bevo un bicchiere di spremuta lavo i denti prendo lo zaino ed esco. La colazione la faccio solo una volta arrivato a destinazione. Devo ammettere che non ho ricordi del tragitto a piedi tra la casa di marzapane e la stazione: vago in un imprecisato stato catatonico, raggiungo la stazione come un droide protocollare, quasi obnubilato da una misteriosa  assunzione di bromuro, e becco il binario e il treno giusto credo solo grazie a del buon culo.

Eppure dicono che l’aria fresca del mattino faccia bene. Mah. Dopo due settimane sento di essere invecchiato di un anno, e la mia pelle non è più così splendida. Però mi ha sorpreso trovare per strada così tanta gente. Credevo che uscendo fuori mi attendesse un panorama da “ultimo uomo sulla terra”. Una città deserta, ed io che cammino sull’asfalto inebetito dalla solitudine, col treno vuoto che mi attende. E invece mi confondo con migliaia di ebeti. E’ questo il mondo che vive al di fuori dello spaziotempo di un fancazzista? Passino gli studenti delle superiori (la forma di vita umana più vicina agli ameboidi dopo l’universitario fuori corso), ma vedere così tanti lavoratori in treno con  la stessa voglia di morire nascosta nel cuor, mi ha fatto capire che razza di fortunato figlio di puttana sono stato per quasi 17 anni. Per carità, non mi sento condannato a svegliarmi all’ora dei fagiani per tutta la vita. E sono quasi sicuro che, dovesse continuare questo lavoro, troverei comunque il modo per alzarmi alle 8 e mezza, si trattasse pure di trasferirmi nella lussuosa casa davanti all’ufficio accendendo un mutuo capestro. Diamine, continuo a ritenere profondamente contronatura l’alzarsi così presto. Ma poi, che cazzo di fretta c’è? Capisco i galli e le galline, ma perchè crisbio bisogna cominciare a produrre mentre l’aurora balugina all’orizzonte? E sì che ora l’è primavera, esco che il sole mi illumina e mi sostiene. Cazzo, se penso al prossimo inverno emiliano, che quando esci di casa alle 7 ti serve una torcia e ti accoglie la strega di Blair, immagino che dovrò munirmi di copiosi antidepressivi a largo spettro.

Annunci

14 Responses to L’alba del morto vivente

  1. porzione ha detto:

    E’ tornato Paperoga! San Gennaro ha fatto o miracolo!

  2. veneredejanira ha detto:

    allegro, paperoga!
    ora che il 27 del mese ti sorride potrai salutare la casa di marzapane e cercarne una a 10 minuti netti dal badge elettronico e tutto l’edificio che lo circonda! sforna un sorriso, su. e che lo spafo sia con te!

  3. fed ha detto:

    e mancano solo sette giorni al 27…

  4. punzy ha detto:

    E’ questo il mondo che vive al di fuori dello spaziotempo di un fancazzista?

    si

    tutti noi abbiamo venduto l’anima al badge e possiamo capirti. Pensa, io lavoro su turni e il primo turno, la mattina, inizia alle 08.00..quindi io mi sveglio alle 06.00 e d’imverno è dura ed ardua. E qui nell’urbe, mentre andomo al lavoro con la morte nel cuore vendiamo cari i nostri ultimi istanti di libertà giornaliera tentando di uccidere gli altri cittadini, calpestndoli o schiacciandoli con i SUv
    ma è clemenza, capisci?
    è come staccare la spina ad un terminale

  5. LorenZo ha detto:

    Anch’io, quando esco la sera e vedo il casino di gente nei pub e bar penso che tutto ciò succede anche quando rimango a casa. Non è come al mattino, ma il principio… si lo SO, non è uguale! Bentornato Paperoga.

    Sono d’accordissimo con te. Che bisogno c’è di cominciare così presto? Che bisogno hanno le aziende di scalare Wall Street, che bisogno hanno i manager di diventare milionari e pescecani? Io ho tutto (…) e non sono milionario né pescecane. Secondo me questi manager sono dei cogl… frustrati, complessati. Proprio non hanno capito dove la vita ha nascosto il piacere. E lo cercano nel posto sbagliato. Senza trovarlo mai! E continuano!!! E hanno infettato un mondo!

  6. dieghermaister ha detto:

    uh cavolo…sereno, vecchio satanasso. vedrai che, entro un paio di mesi, se dormirai più di 6 ore a notte ti verrà il mal di testa.

  7. LorenZo ha detto:

    Paperoga, visto che anche tu, a modo tuo, sei un po’ snob, ti consiglio di leggere questo post di Visintin. A me ha fatto morire dalle risate. Soprattutto certi commenti in stile “vecchia nobiltà sfodera aggettivi desueti”.
    http://mangiare.milano.corriere.it/2010/02/gurrta_aperta_al_bon_ton_dei_r.html

  8. mich ha detto:

    il mio treno, da due anni esatti, parte alle 7.15
    con o senza di me.
    d’inverno la mia vita sociale è nettamente meno vivace di quella di mia nonna.

  9. IlMerda ha detto:

    che brutto mondo.. quasi son felice del mio cocopro(t)!

  10. prefe ha detto:

    pape,
    chiariamo: durante l’università più volte non sono riuscito ad andare alle lezioni delle 12.30 perchè non mi svegliavo in tempo. E a volte nemmeno a quelle delle 14. Abitavo a 4 km dalla facoltà, automunito.

    Svegliarsi alle 8.30 / 9 è tutto il contrario di “fare l’universitario fancazzista”.
    Secchione.

  11. mich ha detto:

    @ prefe
    mi sento una vera sfigata: io riuscivo a iscrivermi all’unico corso dell’ateneo con lezione il sabato mattina dalle 9 alle 11 e riuscivo persino ad arrivare in tempo per metter la firma sul foglio presenze.

  12. paperogaedintorni ha detto:

    deianira: con lo stipendio che prendo, al massimo posso permettermi il garage di sotto
    punzy: io alla fine arrivo a lavoro alle 8. passo un’oretta nel vuoto spinto e poi comincio a connettere
    prefe: io non ho mai frequentato una lezione in sette anni. sgobbone.
    mich: non mi preoccupa la mia vita sociale, da sempre uguale a quella di mia nonna. Mi preoccupa di non fare la fine di Michael Douglas in un Giorno di ordinaria follia..
    IlMerda: so che un contratto a tempo indeterminato ti farebbe venire le pustole
    dieghermaister: il problema non è quanto dormo, ma è lo svegliarsi a quella imprecisata ora della notte
    lorenZo: vieterei qualsiasi attività prima delle 10. Dalle 10 alle 16, e tutti a casa.

  13. giuseppe incredulo ha detto:

    Paperò mi stai facendo scendere le lacrime, come mi sto dispiacendo…
    quasi quasi facciamo a cambio di lavoro: io accetto di svegliarmi alle 7 meno un quarto però tu dovrai alzarti ogni mattina alle 4 e rientrare, ogni sera, non prima delle 5… (povero ingrato della vita)

  14. S ha detto:

    pensa te quanto ancor più schifo possa fare in lombardia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: