Nardeep fa la colf per i suoi fratelli

quiquoqua

Arrivano insieme, in fila. Identici, tre gemelli omozigoti, o se non lo sono vuol dire che vedo triplo. Vestiti uguali, con una tunica bianca, stessa carnagione olivastra, capelli crespi e neri, folte sopracciglia, un accenno di baffetto sopra le labbra. Un viso da ragazzini, e infatti non hanno più di 25 anni. Educati, silenziosi, timidi, fa tutto molto indiano. Nei passaporti c’è scritto che si chiamano Pandeep, Sandeep e Nardeep.

I primi due sono regolari in Italia, il terzo no. E quindi Nardeep farà la colf per i fratelli, ottenendo così il suo bravo permesso di soggiorno.Ed io sono lì per aiutarli a realizzare il sogno di Nardeep, ovvero pulire i cessi intasati di feci dei suoi fratelli.

Si siedono davanti a me. Sapete, ho bisogno di vari documenti per compilare la domanda di sanatoria. Quisquilie, una formalità, tutto molto semplice.

Ma qui inizia la tragedia, altro che commedia degli equivoci, altro che Plauto.

“Dunque, mi servono i documenti d’identità dei datori di lavoro, quindi di…ehm…Pandeep e (cinque secondi a scartabellare furiosamente nel fascicolo) Sandeep”. Dico tutto questo rivolgendomi però a Nardeep, che infatti mi indica col dito i suoi fratelloni. “Ah, siete voi”, faccio voltandomi verso Pandeep e Sandeep.

Vabè, può capitare.

Due minuti dopo.

“Ho bisogno poi dei documenti del lavoratore, dunque, ehm (dieci secondi di consultazione) Sandeep? No, Par…ah, sì, Nardeep” epperò mi sto rivolgendo a Pandeep, che mi indica col dito la sua futura colf.

Sta diventando tutto molto più complicato del previsto.

Cinque minuti dopo.

“Dunque, il datore di lavoro principale deve mettere una firma qui, quindi, ehm, Mandee…Pard…Ramsete…no, Sandeep, si si, Sandeep”, e così riesco a divincolarmi, leggermente ubriaco, con la lingua attorcigliata da scioglilingua terribili sotto forma di  una selva di nomi anagrammati.

Però mi sto rivolgendo a Nardeep, che mi indica col dito il suo prossimo datore di lavoro.

Sudo dalla schiena, dal culo e dalla fronte.

Quattro minuti dopo.

“Allora, la dichiarazione dei redditi 2008 di Man…Pram…Pandeep, si, Pandeep, la sommiamo a quella del fratello Tardeep, no, Sanjab.. Sampei….Sandeep, cristo, Sandeep, si…”

Questa volta però mi faccio furbo e non guardo nessuno, attendendo che uno dei tre mi fornisca il documento, perchè a capire chi è Sandeep mi ci vorrebbe un aruspice. Nessuno però si muove. Maledetti bastardi. Quindi alzo lo sguardo e punto quello che credo sia Pandeep. E invece è Sandeep, che mi indica col dito suo fratello.

Dentro di me diverse divinità indù vengono orribilmente lese nella loro dignità.

Sei minuti dopo.

“Dunque, direi che siamo a posto così. Il pagamento in posta va effettuato dal datore di lavoro principale, ovvero Sardeep…no… Stardust…ehm, no,  Startrek, no perdio, insomma da uno di voi tre!”. Risolvo così, stremato. Loro fanno per alzarsi, salutano e si voltano, vedo i loro volti leggermente divertiti, e a quel punto io li richiamo perchè ho qualcosa da dire a tutti e tre, porcaputtana.

“Dunque, andate a dire a quegli spiritosoni dei vostri genitori che sono stati  davvero dei grandi cabarettisti a chiamarvi con nomi così simili. Cioè, cazzo, vi avessero chiamato Qui Quo e Qua oppure Timmi Tommi e Gimmi, adesso avrei un mal di testa più sopportabile. Dite loro che li odio dal profondo del cuore. E voi che ve la ridevate in questa strafottuta mezzora, spero vi vada di traverso la cena!”

Ma ovviamente è un pensiero che tengo per me. Li guardo, sorrido e dico: “Sandeep, ricorda di portare la ricevuta del pagamento alla segretaria”.

Ma lui è Pandeep, e mi indica col dito suo fratello.

Basta, andate a fanculo.

Annunci

12 Responses to Nardeep fa la colf per i suoi fratelli

  1. fed ha detto:

    O.O complimenti per l’esperienza surreale, e per essere rimasto più o meno sano di mente!
    Al tuo posto probabilmente ora io andrei farneticando di aver passato un pomeriggio in una puntata di Ai Confini della realtà

  2. men_CHI ha detto:

    uauauauau!avrei pagato per vedere la tua faccia, caro Paperoga! uauauauauuauu…

  3. porzione ha detto:

    Peccato non ci fosse il quarto fratello, Jonnideep

  4. Franciscus ha detto:

    stending ovescion

  5. paperogaedintorni ha detto:

    fed: peggio che bersi una bottiglia di vodka
    porzione: finalmente una tua battuta mi fa sbellicare di risate, copiaincollala nel tuo blog

  6. punzy ha detto:

    sopralapancalacapracampasottolapancalacapracrepa

  7. sparemembitte ha detto:

    ebbene sì, questa vicenda ha del conturbante.

    (intendo che ho già in mente cosa ci farei io coi tre fratelli nardeep sandeep e pandeep)
    (colonna sonora inclusa direttamente da bollywood)

  8. prefe ha detto:

    cioè tutti gli immigrati d’italia verranno regolarizzati come colf!
    non ci avevo pensato. Figata il leghismo.

  9. mich ha detto:

    Porzione è il mio mito del giorno

  10. paperogaedintorni ha detto:

    prefe: eh si, questo governo ha sempre grandi ideone.
    mich: il porzione con quella battuta si è guadagnato il link in codesto umile blog. so che però si rifarà sparando almeno 10 battute in successione che non mi faranno ridere.
    sparemenbitte: problemi di ninfomania? ho bromuro da vendere

  11. porzione ha detto:

    Mi sottovaluti, Paperoga: sai bene che di battute che non fanno ridere ne posso far molte più.

  12. fed ha detto:

    comunque in effetti essendo Paperoga dovresti essere abitutato a vedertela con Qui, Quo e Qua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: